TikTok sta pensando di permettere ai creator di monetizzare con i loro contenuti

TikTok ha confermato giovedì che sta testando il supporto per gli abbonamenti a pagamento, aprendo la strada ai creator della piattaforma di video brevi per far pagare i loro contenuti. Secondo quanto riportato per la prima volta da The Information, l’azienda non ha fornito dettagli sulla data di introduzione del supporto ai creator, sul numero di creator che lo stanno testando e sulla struttura dei pagamenti. Il portavoce della società, Zachary Kizer, ha risposto in un’e-mail a The Verge che gli abbonamenti sono un “concetto in fase di sperimentazione” e che la società “pensa sempre a nuovi modi per portare valore alla nostra comunità e arricchire l’esperienza di TikTok” (qualunque cosa significhi).

Se venisse adottata, sarebbe l’ultima mossa di TikTok per aiutare i suoi creator a monetizzare i loro contenuti; ha introdotto il suo hub Creator Next con strumenti di monetizzazione e ha lanciato la sua funzione di mancia ai creator idonei a dicembre, dopo averla testata con un gruppo più ristretto.

Come TikTok aggiungerà i pagamenti diretti ai creator al suo modello di business di grande successo è un po’ un rompicapo. Il principale vantaggio dell’app rispetto ai concorrenti è il suo straordinario algoritmo che fa apparire i contenuti nelle pagine “Per te” degli utenti. È un modo per i creator di raggiungere gli utenti e idealmente trasformarli in abbonati. Ma se i creator tengono i loro contenuti migliori per gli abbonati, è probabile che tali contenuti non siano disponibili per alimentare l’algoritmo, il che a sua volta potrebbe ridurre il coinvolgimento, poiché in teoria non vengono visualizzati dai non abbonati.

Questo non è un problema esclusivo di TikTok, ovviamente; tutte le piattaforme digitali che cercano di aiutare i creator di contenuti e gli influencer a monetizzare i loro contenuti cercano di bilanciare il coinvolgimento rispetto alla possibilità di monetizzare direttamente i creator. E i creator stessi devono essere in grado di prevedere per quali contenuti gli abbonati saranno disposti a pagare e quali contenuti li aiuteranno a promuovere meglio.

Il test di TikTok sugli abbonamenti a pagamento segue l’annuncio di Instagram che sta lanciando anch’esso un test sugli abbonamenti a pagamento con un piccolo numero di creator e influencer. Gli abbonati pagheranno una quota mensile per accedere ai contenuti esclusivi dei creatori che seguono, comprese le Storie e i video Live. I diversi livelli di prezzo varieranno da 0,99 a 99,99 dollari al mese, a seconda di quanto il creator deciderà di far pagare, e un badge viola indicherà lo status di abbonato al creator/influencer nella sezione dei commenti. La metaproprietà di Instagram ha dichiarato che non prevede di prendere una parte dei ricavi degli abbonamenti dei creator prima dell’anno prossimo.

TikTok is thinking about letting its creators charge subscription fees

TikTok confirmed Thursday that it is testing support for paid subscriptions, paving the way for creators on the short form video platform to charge for their content. First reported by The Information, the company didn’t share details about when it might roll out to creators, how many creators are currently testing it, or what the pay structure might look like. Company spokesman Zachary Kizer said in an email to The Verge that the subscriptions were a “concept that’s been in testing,” and that it was “always thinking about new ways to bring value to our community and enrich the TikTok experience,” (whatever that means).

If adopted, it would be the latest move by TikTok to help its creators monetize their content; it introduced its Creator Next hub with monetization tools, and rolled out its tipping feature to eligible creators in December, after testing it with a smaller group.

How TikTok will add direct-to-creator payments to its highly successful business model is bit of a head-scratcher. The app’s major advantage over competitors is its uncanny algorithm that surfaces content to users’ For You pages. It’s a way for creators to reach users and ideally turn them into subscribers. But if creators are holding their best content for subscribers, that content is probably not available to fuel the algorithm, which in turn could reduce engagement, since in theory, it’s not being surfaced to non-subscribers.

This is not a problem unique to TikTok, of course; all digital platforms trying to help content creators and influencers monetize their content are trying to balance engagement vs. letting creators monetize directly. And the creators themselves have to be able to predict what content subscribers will be willing to pay for, and what content will help them best promote their own work.

TikTok’s test of paid subscribers follows Instagram’s announcement that it, too, is launching a test of paid subscriptions with a small number of creators and influencers. Subscribers will pay a monthly fee to access exclusive content from creators they follow, including Stories and Live videos. The different tiers will range in price from $0.99 to $99.99 per month depending what the creator decides to charge, and a purple badge will denote a subscriber’s status to the creator/influencer in the comments section. Meta-owned Instagram says it doesn’t plan to take a cut of creators’ subscription revenue until next year at the earliest.

Fonte: theverge.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Torna su